Skip to main content

Full text of "X Collection 171"

See other formats


M 



,c 






INDEX 



Page:. 



Barcode Number 

LIBRARY OF CONGRESS 



II' III- ll'll llll. Ill 



inn him urn mum 



Box Number 



020 534 713 6 

LIBRARY OF CONGRESS 

iiii' iijii Jim iiki iiiii inn him urn nut urn im nn 




020 534 714 8 



LIBRARY OF CONGRESS 

iiii!! Hi !!!! !■!! !■ I !"!' !!!'! I:l " "" "" ,l11 ' 1 "■ " 



I 



Ife8 



Total of 
Volumes 



/£><} 






020 534 715 P 

LIBRARY OF CONGRESS 




Mill IIIII II III I 




020 534 716 1 
LIBRARY OF CONGRESS 

■■! ■■!!■ ! | "!'""« "in urn inn inn IHM mi im 



^ 



no 




J' 



020 534 717 3 

LIBRARY OF CONGRESS 

itiiii !■!!! I! !, J r I till 1 ! MM I!!" '" I " 1 ' 




020 534 718 5 
LIBRARY OF CONGRESS 

111111 inn mil iiiii 11111 11111 mim 11111 inn iiiii 11111 1111 11 



1 



7/ 



n* 



.'72- 




^ 



17 34 



020 534 719 7 
LIBRARY OF CONGRESS 

iiiii iiiii mm; iiiii inn urn urn iiiii Jim hi 



r 




P3d 



020 534 720 3 



LIBRARY OF CONGRESS 

iiii! iiii! Hill j|!|| !!'!' ii| i* ih>i iiiii iiiii iiiii iiiii 1 i 




11A 

7f 



020 534 721 5 



H2 



Call Number 



MS 

n 



30 



P8^8^-r>ggp) 









31 



M 






WU5.%-t87$S 



27 



2b 



mft.5%-VB%%l% 



wm.w.ii-WfOi 



71 



11 



D6W-VM2D 



L 



X Collection 
INDEX 



Page:_ 



2- 



_ 



Barcode Number 

LIBRARY OF CONGRESS 

I! 'ii! ill i tti! ill! iiiii ' '" "'" " l " m " l " 1 



II 
020 534 722 7 



LIBRARY OF CONGRESS 
i! ii! iiiii iiin iii! iiiiilii"! """""'"'"ii'iiii 



020 534 723 9 

LIBRARY OF CONGRESS 

■■■!!! ■■!!!!!!!!!!!!! !!!!' !"!' !"" " IM "■" " ,l1 1 ' 1 " " |! "'i 




020 534 724 
LIBRARY OF CONGRESS 

iiii iiiii iiiii iiiii iiiii iiiii mi mi 





020 534 725 2 



Box .Number 



m$ 



1154 



I753 



\% 



Total of 
Volumes 



2* 



Call Number 






3<? 



2\ 



DClUUis%-m?) 






(?6/^Zfe^-/%2) 



HO 






L 



c 












DB ^Ob 



4\ 






) 

4 



j 
k 









1 

I 

i 



* 



h 



c 



fOVfr) 



- ■ 



9 



*? 



' 



I I 




~jm /*$ $ jr. ^ 



i 
i 



A PERPETUA ONORANZA 

'M Xctdte 

j FRANC. M. APPErVDINI 

DELLE SCUOLE PIE 

DIRETTORE GENERALE 

»H o WNAS a DELLA DALMA2IA „ DEt uceo . convitto 

M ZAHA. 





Mm 






^9b 


. 


( 


RAGUSA 






COI Tin DI pietoo FRANCESC0 


MAIITECCIUNI 


j 


i838. 






_ 



^ 




14*1 



LE 



PARROCCHIE FRANCESCANE 



I3ST 



ID-A-Xjlvdl^ZX^. 



^7 



DEL 



P. Etlllltl MARKOViC 



?o§a<=J- 



Tipografia „Kat. Hrv." 
1885. 




Ii I 



«, . . 



P 



_^_i 



L 






»^^-^— 



m 



L 



\-' 



y 



c 







.■ 



1-DB 



40b 






j2to oJnc/ncshif 



-cxs^-e^so-— 



fill STATUTI E LE MOMAffl 



D! 



iEBiiiraoo 



psefci 



5S> 



id appeu3i.ce 3i Socmncni'i i*w3iti o 3ispet&* 




SPALATO 

Tip. A. Zannoni (St. Bulat) 

1893-94- 






. 



L 




C 







L 



TC- 



B 40b 



fa 



>c -w 



."V. ->y 



JC 



i * 



.: ' ;\v- -S: . v- "X 



S> 



OZZE 




& 



<^ 



4^ 









a 



XL 



Of 



i 

■Jfesf 
% 



OVEMBRE MDCCCIC. 



1 



V 



c\ 





.i„l-. 



>0ova^ oV^saz^ ^ ^ 



L 



X- DB 40G 



71 



# 



plUSEPPE ^LACEVICH 



! 






L 



1 

L 



Le pari crlsl ii Macarsca 

sul principio del secolo 



XIX. 



NOTIZI3E STOHICHJC. 



1L 



zAra 

PHEJIIATA T1FOGRAFIA PIETRO JANKOVlO 
1902. 










^ 




; ■■'" x-V3 L l%.7^7 


V&.ft 










^NTONIO ^lARCOVICH 


1 




Colonncllo Ingegnere 


1 




% 
i 


I 

1 




APPENDICE 






INTORNO LE (MTROVERSIE BE' C0NF1M 






[ IN DALMAZIA 






II. SCMTTURA 






ESTESA NEL 1765 






1 • . I 
1 


SI 

H 1 




ZARA 

PBEMIATA TIPOGBAFU PIETEO JANKOVI6 
1903. 

■ 


1 




■ 








■ 




I 

■ 
■ 



Y-A 



■-■ 






/ i 



* - ■ . 



% 



u\fr 



ufck 



Giuseppe /ilacevich 



1& 

n 



U crisi li Macarsca 



(mini 1808 e 1809) 



. 



; :■ ■ 
• '- 

. 



C 



k 



l 



I / 

I 

I 



. 



C 



NOTIZIE STOHICHE 



2 A fc A 

Pit KM I ATA ri|-08B*FU riETKll .IA\KOVl0 

1903 



- •' IJ 




# 




/ 



L HOT Dl SAN GIORGIO 



%mm SULLO SCOGLIO PRESSO PEMSTO m&m 
ma HEl GOLFO Dl GATTARG 



V D9 



i+O b 



#9 







mm MQNQQRRFifl E© 

di FRANCESCO Conte VISCOVKH 



L 



/ 






TovTrl 



I 7 




IL MONASTERD Dl SAN GIORGIO 



SULLO 



SCOGLIlfPRESSO PERASTO 



NEL 



QOliFO Dl eflTTflRO 



MONOGRRFIR 



dedicata a) Molto Reverendo DON ANTONIO 'ROSA, Abbate di San Giorgio e Parroco di Perasto, 

da FRANCESCO Conte VISCOVICH, Cavaliere dell'Ordine imperiale di Francesco Giuseppe, 

Commendatore dell'Ordine di San Gregorio Magno (Classe militare) ecc. 



J 




»** 



TRIESTE 

FKANCESCO Oonte VISCOVICH, EDITOEE 

1904. 






J 




■ 



$10 



V. PALUNKO, VESC. TIT. Dl RODOPE. 



MELITA 



DEL. ,^/ 

NAUFRAGlO Dl S. PAOLO 
L' ISOLA MELEDA^ 

IN 

DALMAZIA 

(STUDIO Dl GEOGRAFIA BIBLICA) 




SPALATO 

TIPOGRATIA LEON1NA 
1910. : 



(0\ftf^ 




I 



Ad Nr. 521. 



L. S. 



Im| 


jrimatur 




Ex Curia Episcopali 


Spalati, die 26 Januarii 1910. 


t Philippus Fr. Ep.pus m. p 


^ J-Oi/C. 


j- % 




6 


i 


■ 


!*5!L=--- 


1 



4 



^ 



'.. • 






Nihil obstat 

Spalati, die 26 Januarii 1910. 

Hier. Moscovita 

Decanus Capitularis, Censor. 



3r a 

-mi 



\ 




VOW 



X°\ *TI 






nka JMpo Starinarskoo Druslva" 



i 600 - grodisnjice smrti 



lb P 




— bio pojedinac ili drustvo — koji zeli prisustvovati i zajednic 



1 s~*.r 



c 








opstanka MM 




i 600-grod 



la rm PAVIJ 






i 



OPASKA Svaki ucesnik proslave — bio pojedinac ili drust 

itoIio Art mm'oTT^ 21 Z_L ,1 ^ CV7 1 T ^1/4, T ^„« „"l ~ 1* X^ 



J 






*l\ 



bio pojedinac ili drustvo — koji zeli prisustvoviiti i zajednic 
) do 27. kolovoza, da li ce istomu prisustvovati i sa koliko osoba. 
; iznimke po osobi K 5, za koji ce se dobiti uplatna flokaznica, k< 
bjeda. Bude li preostalo raspolozivih mjesta, moci |e se za zaje 
^ed sami objed osobama od odbora za to opredjeljenin. 
avi moci ce se cijelog dana dobiti medju ostalim os\4zujucih pica 
ce opskrbljene toplim i hladnim jelima, te raznim plem i cijeniko 
redni izlet vlakom iz Splita i Sibenika. Prvi krece ineva 1. rujn; 
sati jutrom. ' m 

Odbor za prosla' 



c 



Brz. „Narodne Tiskare" - Split, br. 4083-12 




C 



OPASKA 






■ 



Svaki ucesnik proslave — bio pojedinac ili crmst 
valja da najavi najkasnje do 27. koldvoza, da li ce 
se objed ima platiti bez iznimke po osobi K 5, za 
drzati sve do poslije objeda. Bude li preostalo r, 
najaviti i neposredno pred sami objed osobama oo 

Na Kninskoj tvrgjavi moci ce se cijelog daiia 
i gostione u varosi biti ce opskrbljen^ toplim i hki 

Uprilicen je izvanredni izlet vlakom iz Split 
jutrom, a drugi oko 5 sati jutrom. 




Brz. „Narodne Tiska 




I KJ ►.»*-» ■— -- 




1° Memento al Jullettino di ardieol. e storla daimata ' a. 1913. 




~& 



MELITfi 

DEL NflUFRftGIO DI S. PAOLO 



C 



(NOTiZIE BIBLIOGRflFICHE) 




L 




SPflLflTO 

BRZOTISflK ..NARODNE TISKHRE 
1913. 



Mpf- r m 



•■i~= —— -— - f— i 



B» 




X^DB 40b 



$r\y 



L' imperatore Diocleziano. 

Nome, patria e luogo della sua nascita; 
anno, giorno, luogo e genere della sua morte. 

(Con 24 Tav. n. I-XXIV). 



1916. 



Studio di Fr. Bulic. 



<«<►►►► 




(Estratto dal „Bullettino di Archeologia 
e storia dalmata anno 1916). 



Tipografia Leonina — Spalato. 



1916. 



tfterw. 






c 



L 





X-DB 40b 



#7S 






< i 
1 






U Dalmazia Italiana 



j % jt - 



c 



^ 



I 



' 



^ 



6^u") 



• — 'jt^ 



tsWU-W *J5 



La T)alma^ia Jtaliana 

CONFERENZA 
Jenuta nella sala della ^Gcieta " Giu^lielme , t 

DI mOHRERLE 
II 29 Aprile 1917 

DAL 

pvol 3francesco /Iftaccone 

Oirettore del R. Sinnasio 




PALERMO 

STAB. TIP. NOCEEA 

Via Cartari, 13 

1917 



, 



1 



^ 



J 



Ui 




- 



t-V$ l \M.l1 *!& 



JCOMANDO Dl FIUM 

^ BOLLETTINO UFFICIALE 




No. 27 



Fiume d* Italia, il 25 Luglio 1920 



Anno I 



L' Assunto di Dalmazia 






C 



Fiamme crfemisi dell'Ottavo battaglione 
Bersaglieri ciclisti, 

piccola coorte dei Dalmati, 

miei compagni di tutte le alrmi, 

stamani per parlarvi io faccio forza ai 
mio cuore die sdegna. 

Dopo 1'officio divino celebrato, davanti 
a quell'altare da campo, in questo quadra- 
to di uomini e di alberi; dopo l'invocazio- 
ne soienne del sacerdote rivolta a quel fe- 
retro ammantato d'una bandiera che re- 
spira come il petto di chi rivive e risorge; 
dopo la preghiera senza sillabe e senza 
pause che ha f atto di noi una sola anima 
divota, m'e grave turbare il silenzio. 

E' questa una di quelle ore divine che 
I'Iddio manda alia Citta di vita per signi- 
fica!.-le che non I'abbandona ne la dimen- 
tica. 

E' come quando il popolo antico drlzza- 
va un altarc net mezzo del paese e crede- 
va di vedere il suo Iddio a faccia a faccia. 

Non abbiamo noi guardato il nostro a 
faccia a faccia? 

Simno qui come in una di quelle solitu- 
dini propizie aile apparizioni e alle rise- 
lazioni. 

II cielo e sopra noi e sopra I'altare ca« 
ne la pupil'a fissa di Cristo. II sadrifizio 
a la qualita vivente della luce che ci pi- 
.etra. Ogni soffio di vento £ uno spirito 
che ci porta un messaggio delle sepolture 
lontane. Lo ricevono prima di noi le vette 
degli alberi, e si piegano come noi non 
sappiamo piegarci. 

Perchd non ascoltiamo? 

Siamo qui per riconoscere un eroe senza 
volto, davanti a un feretro senza saima. 

Questo eroe e il piu misterioso di tutti. 

C'e la, tra i Dalmati, qualcuno che si 
ricorda ua lui uomo. C'e la, tra i Dalmati 
di Spalato, qualcuno che gli ha parlato, 
che lo ha toccato, che ha diviso con lui 
il pane e il sale, che si ricorda del suo 
accento, che si ricorda del colore de' suoi 
occhi. 

E' vero? 

Sul Dinara, in un cerchio di rupi deser- 
te, un giorno io trovai una piuma d'aquila, 
e la raccdsi, e me la misi nel potto. E, 
non so perche, ebbi dell'aquila ignota un 
sentimento sovrnmano. 

Qualcosa di Q'sel luogo, qualcosa di que! 
sentimento, qualcosa di quell'aquila non 
veduta e qui. 

E non e dicibile. 



Ecco che la sua piuma di fante piumato 
e investita dal vento de! Monte San Mi- 
cheie, la su! feretro. E il combattente an- 
sa e sanguina. 

Bd.-saglieri deil 0!tavo, riconoscete Fran- 
cesco Rismcndo? 

Era I'alfca del 20 luglio 1015 nuando la 
prima pattuglia si parti dalla quota J 70 
dhcendendo neli'insenatura a esplorare ia 
via per dove I'L'ndicesimo Battaglione 
Bersaglieri ciclisti dc-vcva muovere all'as- 
salto. 

Ci son molti far.ti qui, che saiino che 

osa fosse nil fuoco d'interdizioue» nelle 

.randi gioimate di battaglia. Era un fla- 

gello non mai imaginato neppure da quel 

maschio della nostra razza infoscnto ilalla 



fuliggine dell'lnferno, rieppure da qutl 
castigatore che tuffd gH avversarii nelia 
pece, li confisse col capo, in giu, li cosse 
con le falde di fuoco, li fordo con ia picg- 
gia fetida, li lacero con le zaime delle ca- 
gne. 

Vi dissi, dopo un a di quelle giornate: 
«Chi pud piu paiaie a vol dell'eroismo an- 
tico, o fanti? Potete stratopare daila storia 
le pagine dei noti esempi e mettervele 
per federa dei piedi dentro le scarpe fra- 
cide fornite dal frodatore.u 

Dicevo il vero. Chi pud piu vcnlrci a 
parlare delle saette dei Persi, che oscura- 
vano il cielo? 

Da ben altro era cscurato il cielo del 
San Michele. Dante non aveva mai ima- 
ginato gironi e boige dr qiiella sorte. Si 
masticava il tossico, si mprdeva la vampa, 
si lacrimava sangue nero. 

1 narrator! di battaglie scrivevano un 
tempo: «I difensori sorgeVano da ogni sol- 
co, gli assalitori ba'zavarto da ogni ?.c!la.» 
Hon e'erano soichi, non .e'erano zoile nel 
Carse. Tutto sasso, In certe ore ncn e'era 
neppur sassi. Non e'era Che crateri voraci, 
lurbini di sotierra, vortict di sopraterra. II 
difensore, i'assalitore no* poteva riuascere 
se non dalia sua stessa: atihnn; e la si-.a 
anima era il sua miracclo. 

Cosi 1'Undecimo entrSKnell'infenio degli 
inferni. Lo supero e lo^mie. 

Era condcito- dal cojoWPeiio S.-int,: Cec» 
cherini, che e sempro urriato da tuiii i 
gironi e da tutte le bolfce come queii'altro 
Toscano grifagno. Ed eft$ e qui, tra fere- 
tro ed altare. E' qui come seinpve e ccme 
sari sempre dove ci si« <w petiare, da lot- 
tare e da donare grandemente. 

A un certo punto P"Eeva ch'egli noo 
comandasse se non a mo|ti rinicssi in pie- 
di. «In piedi i mortl, e -pronti!.) 

La sua gente misurava il monte con 
queila terribiie misura fljjzzoiUale che e il 
corpo deii'uomo abbattuw. E nesstm uo- 
mo aveva raggiunto laelma sbarra'ia dal 
fuoco simultaneo di tuttf ie batterie av- 
verse. 

A notte, da! Bosco Cfppuccio d'ati-3- 
cissima fama, venne di^mtoizo i'OtUvo 
Bersaglieri ciclisti: il Mttegiioiie di Fran- 
cesco Rismondo. ..._J& 

Le liotti del San MicSrte parevano net- 
ti senz'alba. Quell'alba n«f f u se non una 
v"cen^a d^l fumo estuoso. Due inigate au- 
striaciie di truppa fre*c« montarono aila 
riscoKsa. Lotta di un .°^f?"' ro ' nt . ! -' '; e 
compagnie decimate si oKP.one\ano ai bat- 
Wlioni intieri e li ricacc-avano _g: u . Do- 
po trer.ta ore di l«tto..*« mlBHai;, di 
Bersaglieri non no nmi#« che pr.co p.u 
di un centinaio. II «f 1 Jft. n ^ l ' e fnr -'e *"-* 
verchianti si serrava »"3f n ^ 

Ailora la baionett- W a "a nnche una 
vr<ta unTSP ;! varco. A"f£ a .l 1 E"do ita!ia. 
no ancfre una vcIU rupffe .1 C erchi fcr- 

™VVra «"a (raionetta dfe volte Italian. : 

!flt Come fu egli colpito? > v «-' fu .gli feri- 
to? dove cadde? chl J^acc,l se? chi lc 

trascinft? 



Oli antichi nostri imaginavano che i 
giovani eroi car! agli lddii scomparisse- 
ro, nel foito della battaglia, rapiti in una 
nuvoia di fiamrna o ingoiati da una suni- 
tai.ea voragine. 

Non altrimenti 1'eroe romano di Sp.a« 
lato si dileguo. La sua morte 1 — secondo 
la paruia santa — si profondo o si subli» 
mo in vittorsa. 

Certo lo riconobbe il nemico al nobile 
stampo. Lo arse vivo, come crede taluno? 
Gli inflisse il supplizio di Cesare Battisti 
e di Nazario Sauro, come altri pensa? 

Che importa? • 

II suo sangue e splendore perenne. 

Egli fu assuato. 

Egli e, nei Hccoli dei s'ecoli, I'Aisunto 
di Dalmazia. 

Egli non ha voito per noi. II suo volto 
non e se non un luogo di luce. 

Egli e mitico ed epico. Aduna in se 
lutJa fa vita della sua gente, dalle origlni 
a questo giorno, come s'egli avesse aguz- 
>:ato la prima selce tra il Cherca e la Na» 
rcnta e come s'egli fosse rimorto ieri in 
una vittima dell'usu'rpatore odioso. 

Crnipagni che gli foste compagni, miei 
frateiii dalmati, i'ra I'altare e il feretrn 
s'inorca la preghiera antichisslma della 
sua gente lutina. Aerea s'iiiarca !a pre- 
ghlera che leggemmo in una lapide periiu- 
ta nelle rovine di Salona, in una lapide 
ciie I'aquila del Dinara afferi'6 e traspor- 
18 su la vetta piu severa: (juell'aquila 
st;ssa di mi raccolsi la piuma. 

«Deus noster propitius esto Reipublicao 
R0ii13ncriim.ii 

Prcpizio a Roma e all'ltalia, propizio 
ai?a potenzig iatina e I'Iddio d'avvenire, 
che a'-ita l'alpe dalmatica. 

Tutti I petti fedeli da Rusacia a Spizza, 
rlpetoiio eggi la preghiera. E i veggenti 
oggi a Spalato la vedono riscclpita su tut- 
te le pieire imperial!: a Spalato dove in 
ogni sangue itaiiano versato ribolle il 
r,«ngu2 di Francesco Rismondo; a Spalato 
dove in ogni itaiiano di>!ore patito risof- 
ire il cuore di Antonio Baiamonti. 



Ccnpagiii, fu mentovata in Dalmazia, 
sotto le Mtsegne di Roma, una coorte d< 
Dalmati che portava il nome di p:a e fe- 
de.'e: "cohors lil Dalmatarum pia fideiis .» 

Btl. battaglione di Francesco Rismondo, 
e ti!, piccoia schisra dalmatica di grandix- 
simo animo, vclete voi assumere da oggi il 
nome di quefla coorte e le insegne di Spa 
'ate? 

"Conors pia fidelis.» 

Pcrtatc innanzi il gagliardett'o, tra il 
feretro e I'altare. 

La mia vlsionc dice: tra il monte dell'i- 
ra e il monte della costanza, tra il San 
Michele e il Di!iara. 

Portate innanzi ii gagliardetto vetwii- 
5;Ho. 

Per ia bcUag'ia siibiime in ciii France- 
sco Rismondo tsasfigurd, fu assegnata al 
battaglione la medaglia di Wrr^iso, 

Ma il glorious battaglione d I .itcira con- 
sidcrato ribelle; e il segno cm giunge. 

Ribeli! 5 ! «;no e restlamo: ribeili alia leg- 
ge morta e al ialso Iddio, ebbedienii alia 
legge viva e nll'Iddio vivo. 






(o\ft<^ 



. 



.'JjS ,^3- cu^^ 



y 



Constrnit aux chantiers de la 

Loire, le torpilleur yougoslave 

Beograi termine ses essais 

Nantes, 3 Janv. — Le torpilleur 
Beograd, constrnit aux chantiers de 
la Loire, pour le compte du gouver- 
nement yougoslave, vient de termi- 
ner ses essais, commences sur les 
baaes habituelles des Glenans, ou il 
realisa 31 nceuds et termines sur 
les bases de l'Amn'aute britannique 
entre la Clyde et l'Irlande, en rai- 
son de la tempSte persistant sur 
1'Atlantique. 

Le Beagrad, sans developper tou- 
te sa puissance, a depassS d'un 
nceud la Vitesse maxima prevue. Un 
autre torpilleur, du meme type, le 
Loubliana, est actuellement sur ca- 
le, pour le meme pays, a Split, 
dans les chantiers qui sont une fi- 
liale des chantiers de la Loire. 

Enfin, ces chantiers, toujours 
pour le compte de la Yougoslavie, 
etudient les plans d'un contre-tor- 
pilleur de 1875 tonnes destine a de- 
venir batiment amiral, conducteur 
de flottilles, et qui sera construit 
egalement a Split. 



t: 








J 






' 




c 






Z1 STRIDONE 

(GRAHOVOPOLJE IN BOSNIA) 
LUOQO NATALE DI S. GIROLAMO 

DOTTORE MASSIMO DELLA CHIESA 

STUDIO STORICO GEOGRAFICO 

DI 

F. BULIC 



*77 



(ESTRATTO DALLA MISCELLANEA OERONIMIANA) 



L 





ROMA 

TIPOGRAFIA POLIGLOTTA VATICANA 
1920 



Jl 




- ■ '"■', ! ly 



i^putaziona che gli uomini nostri appro vino 
[ Rapallo, cJistatiamo che I s on. KREKICH 
mnziato nell seduta parlamentare del 25 giu- 
ato apertaminle ed aspramentel'opera ncfasla 
^Io ed ha cmtribuito col suo voto dato nella 
del 26 giujio 1921 a rovesciaqe il ministero 
j di quel tnfaato. 









w In risposta all'impiitazione, che gli uon 

coi fatti il trattato di Rapallo, constatiamo ch 
nel suo discorso pronunziato nella seduta pari 
gno 1921 ha disapprovato apertaintoite ed aspra 
del trattato di Rapallo ed ha contribuito col 
parlamentare del 26 giugno 1921 a ro 
Giolitti-Sforza, artefice di quel trattato. 



. 




c 



lip.» AfiJ.,iWo. 



L 







X.UIGI EAVA 

SESATOHE "DEL REGNO 



LA CULTURA ITALIAKA IN DALMAZIA 

DISGORSI PRONONZIATI HEL TEATRO VERDI DI ZARA 

DURANTE IL27 Q C0NGRESSQ DELLA SOCIETTA NAZIONALE DANTE ALIGHIERI 



# 



n 



(SETTEMBRE 1822] 



c 




Pubblicazione a cura del 
Comitato Romano della 
Soc. Max. Dante Alighierf 



- 



C< 




Persicalli - IL DUOMO DI CURZOLA 



DALMAZIA NOSTRA 



L 



ALMANACCO 

• 1922 • 



PER I PROFUOHI DALMATI 
A CURA DELLE LEOIONARIE DI FIUME E DALMAZIA 



L 



La Segreteria generate dell' „Assoeiazione Nazionalista" eomuniea 
nell' „ldea Nazionale" di Sabato 14 eorr. n. 12, giunta a Zara la sera di 
Domeniea 15 eorr., un appello in norae della Giunta Eseeutiva, nel quale 
si afferma ehe i nazionalisti di Zara starebbero eombattendo in questi 
giorni una mirabile battaglia per le elezioni amministrative, seguiti eon fl- 
dueia ed affetto da tutta la eittadinanza, eon lo seopo di far trionfare una 
rappresentanza eomunale ehe dia prova dell' irridueibile avversione di Zara 
all' iniquo trattato di Rapallo e della $ua volonta di stpingere vieppiu i vin- 
coli eon tutti i dalmati irredenti, e si rivolge un vivo appello a tiitti i 
nazionalisti d' Italia di aiutare materialmente la sezione zaratina, in- 
viando telegrafleamente il loro eontributo alia lotta all' indirizzo del Dott. 
Maurizio Mandel. 

Di fronte a tale ineredibile travisamento del earattere della lotta 
amministrativa, ehe si sta eombattendo a Zara, si eonstata: 

1.) ehe non vi e a Zara nessun cosciente, ehe approvi il trat- 

tato di Rapallo od anehe vi si rassegni soltanto, e ehe la prova piu evi- 

ente dell' irremovibile avversione di Zara a quel trattato si ha nel mani- 



C 



L 



L 



-*»■« \jUk Uf V*A 



L 



eon la piu elementare eoerenza: manifesto, noto a tutta la eittadinanza, 
e vibrante del piu vivo ed aeeorato amore verso i fratelli reietti; 

2.) ehe non e vero affatto, ehe tutta la sezione nazionalista di Zara 
abbia impegnato la lotta, mentFe una parte dei membFi deir„Assoeiazione 
Nazionalista" la disapprova apertamente ed ha anche flpmato il manifesto 
sueeitato. I> 

Non si puo infine non protestare eontro lo stigma di antinazionali 
e rinuneiatari, ehe eon quell' appello si tenta, eontro verita e eoseienza, di 
impFimere alia grande maggioranza dei eittadini, e non espFimere la piu 
apeFta eondanna eontro T invito ad influiFe eon mezzi peeuniari sull' esito 
della lotta: invito, ehe dimentiea ed offende l'altissima eoseienza nazionale 
dei eittadini di Zara, sdegnosamente inaeeessibili a qualsiasi mezzo di cof- 
Fuzione. 

j^m-ii, 16 Gennaio 1922. 

Gli aderenti al Gomitato per le elezioni comunali. 



l'iivS.Arfa1':,Zir3 



* 



L 






*ZL 






Ancora nella seconda meta di Novembre dell' anno 
decorso il senatore Ziliotto, benche indisposto, raccolse a 
casa sua alcuni amici e consenzienti per deliberare sulla 
linea di condotta da seguirsi nelle prossime elezioni am- 
ministrative. 

Fra gl' intervenuti si manifestb subito spontaneamente 
la tendenza viva ed attuosa di perseguire e raggiungere 
la Concordia cittadina, e di tener conto all' uopo delle 
varie correnti, che eranO sorte in citta. A questo effetto 
vennero all' unanimita in pieno accordo col convocante 
nominate otto persone con l'incarico di rivolgersi ail' As- 
sociazione Nazionalista ed al Partito Nazionale Fascista 
per avviare le trattative per la collaboraziohe e 1' accordo. 

Le persone cosl nominate decisero alia loro volta di 
invitare con apposita lettera i due partiti suindicati a de- 
legare ciascuno a tale uopo dal loro seno quattro persone, 
alle quali spettasse il diritto attivo elettorale. 

Avendo 1' Associazione Nazionalista ed it Partito Na- 
zionale Fascista corrisposto all' invito e delegato ciascuno 
4 elettori fra i loro soci, segui un convegno di queste otto 
persone con le otto, che ne avevano richiesto la nomina, 
e -tutte sedici, alle quali si unirono i rappresentanti di 
Borgo Erizzo, nominarono un comitato allargato di 150 
ersone circa fra tutte le classi della popolazione col no- 
ne di „Comitato elettorale cittadino". 

Gia nel comitato ristretto le persone, che erano state 
nominate nel convegno presso il dott. Ziliotto, diedero 
prove di contegno' conciliante sacrificando all'intento fer- 

mamente preficso&i di raoaiuncrerp la rnnr*£\rt\ia oitto^ijM*- 

ogni, anche non lieve, divergenza di vedute. 

Nella sua prima tornata il Comitato elettorale citta- 
dirjo nomin6 una Giunta esecutiva composta di 28 membri 
nelle seguenti persone : 

Arnerich aw. Antonio, Ballani Goffredo, Battara dott. 
Rodolfo, Berti Luigi, Brizzi-Rovaro dott. Egidio, Boniciolli 
Enea, Calebich Edoardo, Concina Giuseppe, Devetak Gio- 
vanni, Dudan ing. Remigio, Illiich dott. Bruno, Lauri aw. 
Ferruccio, Lubin aw. Giovanni, Mandel dott. Maurizio, 
Marsan Giovanni, Marussich Giuseppe, Massaria Antonio, 
Perlini Marco, Persicalli cons. Arturo, Radovani prof. Tri- 
fone, Rimanich Matteo, Siega Luigi, Stipcevich Miro, Tocigl J 
cons. Rodolfo, Tacconi prof. Ildebrando, Testa dott. Arv~, 
tonio, Verban cav. Vittorio, Vukich Giacomo. 

La.detta Giunta convenuta li 30 decembre p. p. elesse 
la Direzione cosi costituita : dott. Egidio Rovaro-Brizzi, 
presidente, prof. Trifone Radovani, vice-presidente e dott.-~ 



Per6 il cons. Persicalli accentud subito espressamente 
che la lista nqn s' intendeva affatto definitiva e che era 
suscettibile di fnodificazioni. 

I membri del sottocomitato elettorale, signori cons. Ca- 
lebich ed awocato Arnerich, si riservarono di dare la loro 
risposta all' indomani alia medesima ora. 

Infatti li 3 Gennaio alle 7 pom. i detti signori si ab- 
boccarono di nuovo col consigliere Persicalli, e, sosti- 
tuendo circa 8 nomi a quelli proposti dal cons. Persicalli, 
fecero contemporaneamente a nome dei partiti da essi 
rappresentati delle riserve per 1' aw. Ziliotto ed opposero 
il veto contro il nome del dott. Krekich. 11 cons. Persicalli 
dichiaro in risposta che contro qtiei due nomi non vi do- 
vevano essere eccezioni, perche il consenso sui medesimi 
era la premessa naturale dell' accordo. Gli altri due si- 
gnori replicarono di ritenere che quanto al dott. Ziliotto 
sarebbe forse riuscito mediante ulteriori pratiche di intro- 
durlo, mentre invece dichiararono che per il dott. Krekich 
il veto era definitivo ed assoluto.. 

II consigliere Persicalli espresse la previsione, che, 
ove fosse mantenuto tale atteggiamento, 1' accordo dovesse 
ritenersi fallito. I signori Calebich ed Arnerich gli do- 
mandarono, se questa fosse la sua ultima parola, ma egli 
rispose che egli aveva meramente manifestato la sua im- 
pressione senza intendere di dare un ultimatum, ma che, 
dopo interpellati gli amici, avrebbe risposto definitivamente 
nel giorno seguente alle 5 pom. 

Gli amici convocati dal cons. Persicalli nella mattina 

V" r~ .. "~~ •■ -««»««-« il rlolih*»rotrv oho -le ea?e- 

zioni contro il dott. Ziliotto ed il veto contro I' on. Krekich 
dovessero considerarsi come un impedimento assoluto alia 
collaborazione ulteriore, tuttavia, dopo la proposta del 
sig. Devetak di esigere dalla Giunta esecutiva 1' incondi- 
zionata accettazione senza discussioni delle candidature 
Ziliotto e Krekich pur ammettendo le trattative per il resto, 
fu stabilito di dar espressione a tale deliberato la sera 
stessa alia seduta della Giunta esecutiva convocata per 
trattare dell' argomento, nella previsione che i delegati dei 
suddetti partiti vi avrebbero receduto dalle eccezioni e dal 
veto suesposti. 

Di conformita a ci6 il cons. Persicalli ai signori Ca- 
lebich ed Arnerich, che erano venuti alle 5 pom. a pren- 
dere la risposta, dichiar6 che i suoi consenzienti della 
Giunta avevano deliberato di intervenire quella sera stessa 
alia seduta della Giunta predetta. 

Cosi awenne, ed il cons. Persicalli espose a tale se- 



C 






rono nel giorno successive le loro. dimissiotii dameinbri 
della Giunta stessa con la seguente Iettera : 

„AH' Illustrissimo Signore dott. Egidio Rovaro-Brizzi 
Presidente della Giunta esecutiva del „Comitato cittadino 
per le elezioni amministrative". 

Noi sottoscritti, riesaminato quanto emerse nelle se- 
dute della giunta esecutiva rispettivamente del sottocomi- 
tato elettorale, nella convinzione che non possa conferire 
alia concordia cittadina un' ulteriore collaborazione con 
elernenti che credettero di poter porre in discussione nomi, 
la cui accettazione incondizionata doveva essere it sottin- 
teso e la preinessa di qualsiasi fecondo lavoro comune, 
ci vediamo con rammarico costretti a considerare fallito 
il desiderato accordo riservandoci piena liberta d' azione. 

Nel fare queste comunicazioni dichiariamo di dimet- 
terci da membri della giunta esecutiva. 
Zara li 5 gennaio 1922. 

Arturo Persicalli, Giovanni Lubin, Marco Perlini, Giovanni 

Devetak, Rodolfo Tocigl, prof. Ildebrando Tacconi, dott. 

Antonio Testa, dott. Bruno Much, dott. Ferruccio Lauri, 

Giacomo Vukicfi, Giuseppe Marussich. 

Nella tornata del Comitato elettorale cittadino seguita 
ai 6 corr. non soltanto non si decampo da parte degli 
oppositori della candidatura Krekich dal veto posto contro 
la medesima, ma ai contrario il segretario della Direzione, 
« signor dott. Maurizio- Mandel, lo motiv6 con nuovi at- 
tacchi alia sua attivita parlamentare. 

Visto tale atteggiamento e poiche la piu elementare coe- 
renza non permetteva ai sostenitori della candidatura Krekich 
di aderire ad una proposta dilatoria venuta del resto da 
parte estranea a quegli oppositori dal momento che 1' ac- 
cettazione incondizionata di quei due nomi era stata po- 
sta come premessa assoluta dell' accordo, I'avvocato Lu- 
fafto ' 'che'Salla parte" opp'osla n ri 7 » fr ^ "feca 1 ffl|ya^ j mt^efri 
e si insisteva anzi nel riprovare 1' attivita parlamentare 
del dott. Krekich e con riguardo alia circostanza, che 
quelle obbiezioni e quel veto avevano fatto tale impres- 
sione in gran parte della cittadinanza, che alia collabo- 
razione ulteriore con le persone, che li avevano elevato, 
veniva a mancare il consenso dei circoli, dei quali essi 
erano gli esponenti, di non poter e non voler piu colla- 
borare con le persone dalle quali partiva il veto. 

Di conseguenza egli ed i suoi consenzienti abbando- 
narono la sala di deliberazione del Comitato elettorale 
cittadino. 

Questa la nuda esposizione dell'inizio, dello svolgi- 
mento e della fine delle trattative. 

Poiche la Presidenza del Comitato elettorale pubblico 
dopo la seduta un manifesto, col quale tentava di far ri- 



cadere la responsabilita dell'- avvenuta scissione sui 
pugnatofi della candidatura Krekich, fu da parte n 
ptibblicato il seguente proclama : 

Elettori Concittadini ! 

NelPintento sincero di raggiungere la concordia cit- 
tadina nelle imminent! elezioni amministrative i sottoscritti 
avevano invitato l'Associazione Nazionalista ed il Partito 
Nazionale Fascista a nominare i loro rappresentanti per 
fissare le basi del desiderato accordo. 

I partiti suddetti corrisposero bensi all' invito, per6 
gia nel corso delle trattative le persone delegate dai me- 
desimi osteggiarono la candidatura dei piu autorevoli cit- 
tadini e tale ostilita si concreto e culmin6 in obbiezioni 
sollevate contro la candidatura nel Consiglio Comunale 
del Senatore avvocato Ziliotto, ed in un veto definitivo 
ed assoluto contro il nome del nostro rappresentante al 
Parlamento, dott. Natale Krekich. 

Le obbiezioni contro il dott. Ziliotto furono dopo 
qualche esitanza lasciate cadere, non cosi il veto opposto 
al dott. Krekich, che venne mantenuto in tutte fe sedute. 
della giunta esecutiva del Comitato Elettorale Cittadino e 
persino nell' ultima tornata del comitato stesso tenuta li 
6 gennaio. 

Di fronte a tale atteggiamento ai sottoscritti e loro 
consenzienti, intervenuti a quella tornata, s'imponeva il 
dovere, dettato dal piu elementare senso di dignita e co-. 
erenza politica, di dichiarare, come dichiararono, di non. 
poter collaborare ulteriormente con persone dalle r»"«h\ 
partivano quelle obbiezioni e quel veto. 

Non dunque su di essi, che, lungi dal fart esclu^ 
di sorta, designarono ed avrebbero accettato quali colla- 
borator! nel Consiglio Comunale anche noti oppositori 
agli uomini che reggono oggi le sorti del Comune, pu6 

farsi r ' c a dere L come t VOggbbe^ un recente manifesto, la re- 

Zara, li 7 gennaio 1922. 
Devetak Giovanni — Illiich dott. Bruno — Lauri dott. 
Ferruccio — Lubin dott. Giovanni — Persicalli Arturo — 

Tacconi prof. Ildebrando — Tocigl Rodolfo. 
Lasciamo a tutte le persone spassionate il giudizio 
su chi ricada la responsabilita della rottura delle tratta- 
tive, divenuta inevitabile nelle circostanze, come anche 
sui fini, abbastanza trasparenti, dell'opposizione alia can- 
didatura Krekich: opposizione, che mirava evidentemente 
a segno piu alto, che non fosse il seggio, senza dubbio 
onorifico, di consigliere al Comune di Zara. 

Zara, 11 gennaio 1922. 
Devetak Giovanni — Illiich dott. Bruno ' - Lauri aw. 
Ferruccio — Lubin aw. Giovanni - Persicalli Arturo — 

Tacconi prof. Ildebrando — Tocigl Rodolfo. 




L 









{-ffilOb.tf* 



28 



'■HE FiSCISTl 

>vin;iale della Dalmazia 



iniS 



una, Zarae chiamata ad eleggere la sua rappresentanza Comu- 
onfo del r ascismo, il Governo nazionale, che, astretto da triste 
re ^ Dalnati il sacrihcio estremo e la prova suprema del loro 
one tangiiile del suo amore, della sua f ede e tfella sua speranza 
e dei suoiloveri e fiera dei suoi dirittUn quella Ro ma imperial^ 



c 



c 



PARTITA lilll 

Felerazione Provincia 






ittadi 



Per la prima Irolta dopo la marcia su Roma, Zarale cl 
nale e Provinciale ; dp la prima volta dopo il trionf o del asc 
eredita, ha dovuto, cfc sanguinante core, chiedere ai Dallati 
italico coraggio, domfrda ora a Zara la espressione tangtle 
nell' Italia dei combaltnti, finalmente consapevole dei suoilov 



kr»o*A in nnnrp !•=» A:. 



L 



mmosso. 



\ 



I Til 



if 






, 



)Sce le aperte vie della gloria, tenendo bene alto e spiegato 
questa inespugnabile rocca, segnata dal leone di San Marco, 
disperdere invano: ma ripetete e raccogliete quel grido voi 
a terra di Dalmazia, ehe, dall' Italia rinovellata per virtu dei 
e a buon diritto pretende, il non lontano e infallibile compi- 






II segretario politieo e fiduciario dei Fasei di Dalmazia 






- 



^ 



' 



..—»**, HI II MfiMW 



C 



■*=H 



la Nazione aspetta da Zfra con animo ansioso e commosso. 






Cittediu 



II Fascismo che nbn sa disfatte, ma sol conosce le ape 
ai venti il sacro vesillo d' Italia, dai veneti spaldi di questa ine 
lancia a voi il grido della sua fede. Non lasciatelo disperdere 
tutti, quanti siete davvefo degni hgli di questa sacra terra di '. 
nostri insanguinati gagliardetti, aspetta ed attende, e a buon c 
mento delle sue alte speranze. 

Zara d' Italia, 19 giugno 1923. 






Tip. Art»l* 



J 



' 












■ 




Jp^ 



E3S= 



E3£ 



TT^^^'&^p^ 



I.I 



L 







X-DB 406 ■'• 

■;M. Colonnello VITTORIO ADAM! 



$2f 




Un reggimento italiano 
di Dalmati 



1805-1814 



ocumenti e notizie sono stati estratti dall'Archiyio di Stato di Milano - Ministero 

della 6uerra - Cartelle 413, 414 e 415. 




ZARA 

Tipografia E. De Schonfeld 
1925. 



L 










X-DB406 

■h 

RUGGERO RUGGERI 



^25 



! 



1L VOLTO DELLA DALMAZIA 
ED.IL SUQ MARTIRE 



« In silentio et in spc erit 
fortitudo nostra ». 



C 




ROMA 

TIPOGBAFIA I8TITDTO « SACEA FAMIGLIA » 

• Via Capo d' Africa N. 54 
1928 



I 



■ .' 



L 



'\ 



X-DB ^Ob 



fZ6 



ALESSANDRO SELEM 



Contributi alia bibliografia dalmata 




Estratto dagli Am e memorie della Societa Dalmata di Storia patria - Vol. Ill 




ZARA 
TIPOGRAFIA E. DE SCH5NFELD 

1934 -XII 



N 



L 



-*&! 



V 










c 






- 






' 



' 



L 



* 



0$ 



\$% s 






1\ 



' 



. 



> ; 






I 



: - i 






■ 



NOZZE 



M ALGERI-LENCI 



t 



(ort<) 



■••:' 






ELIO LAMPRIDIO CERVA 



POETA RAGUSINO 



(1460-1520) 



/ 



SCELTA DI CARMI LATINI 



ROMA 

INDUSTBIA TIPOGBAFICA BOHANA 

Via Germanico, 136 

19340CIT 






c 



08 ^ 



*zy 



ROBERTO ALMAGIA 

della R. Universita di Roma. 



c 






L 



UN TRATTATO COSMOGRAFICO 

■ 

DI AUTORE RAGUSINO DEL SECOLO XVI 

(I « COSMOGRAPHIAE COMMENTARY » DI LUIGI GEORGIREO) 



Estratto dall'Artfiivio Starico per la Dalmazia - Roma 
Volume XVI. 






MCMXXXIV - XII 



' 






. 



<- 



- - 



X-DB ^Ob 



ARNOLFO BACOTICH 



*V 



ANTONIO CIPPICO 



Estratto dalV Archivio Storico -per la Dahnazia - Roma 
Volume XVIII 



C 



i 



ROMA 
MCMXXXV-XIII 






c 






X-DB 40b 



RAFFAELE CIAMPINI 



£(a.l *■ f 



%3d 



•■ 



DEL PRESENTE GOVERNO DELLA DALMAZIA 



RELAZIONE (INEDITA) DI NICCOLO TOMMASEO (1844) 



c 



Hstratto daH' Archivio Storico per la Dalmazia * Roma 
Volume XXV, pp. 202-238 



, 



C 



ROMA 
MCMXXXVIII - XVI 



"* 



*7^ 



Mn PER LE ELEZIONI 

ti all 9 assemblea che a vra 
rr. alle ore 6 pom. nella 
ATRO VERDI. 



II pr-owicl«nt-e' 



L 






c 



Gli aderenti al COMITATO H 

son® invitati all' assc 
luogo Domenica 15 corr. alle oi 
sala mag gi ore del TEATRO V] 




J